puntini bianchi sul glande

 

I puntini bianchi sul glande sono una condizione abbastanza diffusa nell’uomo e che spesso comporta non poco allarmismo in quanto si tende ad associare la comparsa dei puntini bianchi sul glande ad una malattia grave come quella dell’HIV.

In realtà le cause della comparsa e dello sviluppo dei puntini bianchi sul glande possono essere diverse.

Proprio per questo motivo in questo articolo ti spiegheremo quali sono i sintomi che possono comportare i puntini bianchi sul glande, quali sono le cause e quali le cure.

Puntini e macchie bianche sul glande di cosa si tratta

La prima cosa che vogliamo mettere in evidenza è che quando si ha a che fare con macchie o puntini bianchi sul glande non bisogna allarmarsi in quanto non è detto che la causa sia per forza patologica.

Dall’altra parte non bisogna nemmeno sottovalutare il problema perché in rari casi i puntini bianchi possono anche essere collegati ad una patologia importante o grave. Diventa pertanto fondamentale in ogni caso fissare una visita dal proprio medico.

Quali sono i sintomi possibili

Individuare i sintomi quando si notano puntini bianchi sul glande sono fondamentali in quanto possono essere d’aiuto per il medico specialista e permettere una diagnosi certa e una cura efficace.

Pertanto oltre ai puntini bianchi potresti notare un glande arrossato, o avvertire bruciore o prurito o nessuno di questi sintomi.

Proprio per questo motivo è importante non ricorrere al fai da te e affidarsi ad un medico specialista sottoponendosi ad una visita di cui ti daremo tutte le informazioni dettagliate di seguito.

Quali sono le cause che comportano i puntini bianchi sul glande

Le cause che comportano i puntini bianchi sul glande sono numerose e molto diverse tra loro. Individuare la causa è fondamentale per risolvere il problema in maniera definitiva evitando che si ripresenti.

Follicolite

Una scarsa o scorretta igiene intima può comportare lo sviluppo di una follicolite ossia la comparsa dei brufoli sul pene.

Generalmente questo fenomeno tende a guarire spontaneamente, ma è fondamentale effettuare una corretta igiene intima per risolvere il problema e prevenirlo. Pertanto non sottovalutare un igiene intima quotidiana utilizzando un detergente intimo non aggressivo e che rispetti il PH della tua pelle. sull’igiene intima maschile ti abbiamo spiegato tutto qui:Igiene intima maschile: come effettuarla correttamente!

Papule perlacee peniere

I puntini bianchi alle volte si possono presentare come delle vere e proprie bolle sul pene posizionate sulla corona del glande. Si tratta di lesioni benigne che si trasmettono sessualmente, ma che non comportano nessun pericolo, pertanto generalmente non vengono trattate.

Mollusco contagioso

Si tratta di pustole in rilievo che si trasmettono sessualmente. In questo caso è necessario iniziare un trattamento mirato il prima possibile in quanto il mollusco contagioso può lasciare cicatrici. Nei soggetti che hanno contratto HIV il mollusco contagioso può divenire una malattia importante e progressiva che può debilitare il sistema immunitario.

Verruche

La verruca è una lesione causata dal papilloma virus. In generale non presentano alcun pericolo o problema, ma in ogni caso vanno trattate per evitare che si trasformino in forme tumorali.

Ulcere

Le ulcere  sono causate dal virus Herpes simplex e duna della cause principali delle palline bianche sul glande. Essendo un virus in generale è necessario ricorrere ad un antivirale che debelli completamente il virus favorendo la scomparsa e la completa guarigione dei puntini bianchi.

Sifilide

La sifilide una malattia sessualmente trasmissibile che comporta la comparsa di puntini o papule che progrediscono trasformandosi in vere e proprie lesione o ulcere che spesso comportano dolore e bruciore.

Con il passare del tempo le lesioni tendono a svanire o diminuire, ma questo non deve portare a pensare che il problema sia risolto in quanto non è assolutamente così. In questa fase il batterio si diffonde e potrebbe colpire o intaccare il sistema nervoso. Proprio per questo motivo è sempre necessario fissare una visita con uno specialista. La sifilide è una malattia sessualmente trasmissibile di cui ti abbiamo parlato in questo articolo che sicuramente ti fornirà informazioni importanti per la tua salute:Malattie sessualmente trasmissibili

Come prevenire la comparsa dei puntini bianchi sul glande

Sicuramente esistono degli accorgimenti e dei rimedi per evitare di avere a che fare con i puntini bianchi sul glande o avere delle ricadute.

In alcuni casi si tratta di ricorrere a semplici e sane abitudini quotidiane in altri casi per prevenire la comparsa dei puntini è possibile ricorrere ad alcuni rimedi.

Ti spieghiamo meglio!

Corretta e quotidiana igiene intima

L’igiene intima maschile come quella femminile è fondamentale .E’ indispensabile detergere le zone intime in maniera corretta e quotidianamente utilizzando un detergente intimo non aggressivo e possibilmente naturale. Inoltre è fondamentale detergere le parti intime dopo ogni rapporto sessuale in modo tale da sfavorire varie tipologie di contagio.

Sesso protetto

Tra le cause che comportano la comparsa dei puntini sul glande alcune sono malattie di origine sessuale o infezioni che si trasmettono tramite i rapporti. Pertanto proteggersi durante i rapporti sicuramente permette di prevenire la comparsa di puntini o infezioni legate agli organi genitali.

Assunzione di fermenti lattici

Quando si è sotto stress o si ha a che fare con un periodo molto pensante che comporta stili di vita irregolare può essere un valido aiuto assumere dei fermenti lattici.

I fermenti lattici rinforzano la flora intestinale impedendo la comparsa e lo sviluppo della candida.La candida è un’infezione che può colpire sia uomini sia donne e che spesso comporta prurito e irritazioni agli organi genitali.

Cosa è necessario fare quando si hanno i punti bianchi sul glande

Quando si notano i puntini bianchi sul glande la prima cosa che bisogna fare è fissare un appuntamento con il proprio medico curante.

Se pensi che una visita dal tuo medico di base possa comportare eccessivo imbarazzo o disagio allora puoi fissare un appuntamento con un andrologo o in un centro specializzato per il trattamento delle malattie sessualmente trasmissibili.

In ogni caso è fondamentale recarsi da un medico e preoccuparsi di debellare il problema in maniera definitiva e il prima possibile occupandosi della salute di se stessi e di quella della propria partner.

Come viene effettuata la diagnosi

La diagnosi di uno specialista consiste nell’osservazione dei puntini o delle macchie bianche sul glande nel loro complesso esaminando anche possibili irritazioni o rigonfiamenti del pene e dello scroto.

Inoltre verranno fatte delle valutazioni sui sintomi presenti come  il prurito, il bruciore o il dolore e si constaterà la presenza o meno di febbre.

Lo specialista, qualora lo ritenesse opportuno effettuerà un tampone sulla lesione o valuterà per una biopsia per individuare con certezza la causa che ha comportato l’insorgere e lo sviluppo dei puntini bianchi sul glande.

Non è assolutamente una visita invasiva, e può rivelarsi utile e fondamentale nel diagnosticare il prima possibile la causa risolvendo definitivamente il problema.

La cura dei puntini bianchi sul glande

La cura proposta dal medico specialista dipenderà molto dalla causa che ha comportato la comparsa dei puntini.

In linea generale qualora potrebbe essere proposta l’applicazione di una crema da applicare direttamente sulle parti intime in grado di debellare completamente il problema.

Se invece la causa è un virus potrebbe essere necessario assumere un antivirale capace di abbattere il virus e favorire la completa guarigione dei puntini.

Nel caso di forme batteriche sarà necessaria la prescrizione di un antibiotico specifico.

Non fermarti qui! puoi trovare approfondimenti molto utili leggendo questi articoli:

Oppure scegli l’articolo che fa più al tuo caso visitando la nostra pagina completamente dedicata all’UOMO: CLICCA QUI!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here