tatuaggi pettorali uomo disegni

Tatuaggi pettorali uomo: molti uomini attualmente adottano questo tipo di ornamento, decorando la pelle a proprio piacimento.

Si fa per sentirsi più belli, per mostrare la propria forma fisica e metterla in evidenza.

Per alcuni uomini il tatuaggio sul petto ha un valore prettamente simbolico, che ricorda i tratti della loro personalità o qualche evento in particolare della loro vita.

Semplice moda o tendenza da seguire, ma fatto sta che il tatuaggio sul petto ormai è davvero gettonatissimo.

Non devi però dimenticare che, se vuoi farti un tatuaggio sul petto, devi tenere presente alcuni rischi a cui potresti andare incontro in termini di salute.

Proprio per questo è fondamentale seguire alcune regole essenziali, quando si tratta dei tatuaggi pettorali uomo, che ti possono aiutare a proteggerti, nel momento in cui decidi di fare un tatuaggio.

A che cosa devi stare attento? Quali caratteristiche ha in particolare il tatuaggio sul petto? Andiamo più a fondo nell’argomento.

Tatuaggio sul petto uomo: quali disegni

A differenza di quanto accade per gli uomini, sono poche le donne che scelgono questa zona del corpo per farsi un tatuaggio.

Alcuni uomini, invece, scelgono proprio il petto, perché al tatuaggio possono così attribuire un significato molto più preciso, specialmente se il disegno viene fatto sopra il cuore, considerato a livello simbolico la sede degli affetti e delle passioni.

Infatti spesso gli uomini si fanno un tatuaggio sul petto per voler dare significato ad un evento fondamentale della loro vita.

Certe volte, invece, si sceglie questa zona per una caratteristica prettamente estetica: il petto è un’area grande del corpo e consente di realizzare disegni anche più grandi rispetto a quelli che si possono fare altrove.

Alcuni disegni partono dal petto, per estendersi al braccio, mentre alcuni tatuaggi sono limitati soltanto ad una parte del petto.

Riguardo i “tatuaggi pettorali uomo” le scelte dei disegni possono essere veramente molteplici e molto diverse tra di loro.

C’è chi si fa tatuare un motivo grafico, delle frasi importanti oppure animali, come tigri o aquile.

Un uomo ha la possibilità di mettere in mostra più facilmente il suo tatuaggio nel petto, specialmente in estate, quando ci si toglie la maglietta al mare o in piscina.

Il petto, tra l’altro, è una parte del corpo che si presta molto bene al disegno di tatuaggi caratterizzati da una certa varietà di colori.

E’ fondamentale scegliere un tatuaggio che ti piaccia veramente tanto anche perchè, come ti spiegheremo a breve, eliminare i tatuaggi e in particolare i “tatuaggi pettorali uomo” non è così semplice e indolore.

tatuaggi uomo come si fanno

Tatuaggi uomo: come si fanno

Il tatuaggio consiste in un disegno permanente sulla pelle. Viene effettuato tramite l’uso di pigmenti che vengono inseriti nella cute attraverso degli strumenti.

Si tratta di apparecchi il cui funzionamento è molto simile a quello di una macchina da cucire.

Ci sono degli aghi che pungono la pelle ripetutamente.

Attraverso ogni puntura, l’apparecchio inietta sotto la pelle delle minuscole gocce di inchiostro.

Normalmente, per eseguire un tatuaggio non viene praticata anestesia e i tatuaggi più grandi, proprio come quelli che vengono fatti sul petto, possono essere realizzati anche nel corso di diverse ore.

Può essere necessario anche sottoporsi a più sedute, in base all’estensione del disegno.

Tatuaggi petto uomo: i rischi

Se decidi di farti un tatuaggio, tieni presenti i rischi per la salute in cui potresti incorrere.

Fra i pericoli ci sono le infezioni, le reazioni allergiche e il dolore, che può essere percepito più o meno forte durante la realizzazione del disegno. La percezione però dipende dalla sensibilità individuale.

Bisognerebbe scegliere sempre un professionista esperto e autorizzato, in modo che si eviti il rischio di non essere seguiti dal punto di vista igienico.

I tatuaggi infatti possono trasmettere patologie infettive, come l’epatite B, l’epatite C, il tetano e l’HIV.

Questo può accadere se l’attrezzatura che viene utilizzata per fare il disegno è contaminata da sangue infetto. Si può incorrere anche in infezioni cutanee a causa di batteri che possono determinare rossore, gonfiore e dolore.

Gli inchiostri dei tatuaggi possono causare reazioni allergiche, che si manifestano spesso con tipiche reazioni cutanee che danno prurito.

A volte alcuni reagiscono con la formazione di granulomi, dei piccoli noduli che si formano sotto la pelle e che sono il frutto di una reazione immunitaria dell’organismo.

tatuaggi sul petto uomo rischi

Come prendersi cura di un tatuaggio sul petto

Molta attenzione va dedicata alla fase che segue immediatamente la realizzazione di un tatuaggio, proprio per evitare eventuali complicazioni.

La medicazione va rimossa soltanto dopo 24 ore e si provvede poi ad applicare una crema antibiotica sulla pelle.

La zona in cui è stato fatto il tatuaggio va mantenuta pulita. Bisogna lavarla accuratamente e con delicatezza, tamponando la pelle per asciugare.

Si può utilizzare anche una crema idratante che non si riveli aggressiva.

Devi prestare attenzione anche ai vestiti che indossi, evitando gli indumenti troppo aderenti ed evita di esporti al sole almeno per alcune settimane.

Tieni presente che, se noti segni particolari, come la formazione di pus o rossori che tendono a non passare, tutto ciò potrebbe indicare che la pelle non stia guarendo. Quindi è meglio rivolgerti al tuo medico di fiducia.

Se ti stai informando sui tatuaggi potrebbe essere molto interessante la lettura di questo articolo, dove troverai idee, foto e consigli utili:Tatuaggi braccio uomo: quanto fa male, quale parte del braccio scegliere, quale tatuaggio scegliere

Tatuaggi pettorali uomo: i problemi

Se stai cercando su internet “tatuaggi pettorali uomo” perchè vuoi raccogliere più informazioni possibili prima di farti fare un tatuaggio devi sicuramente prendere in considerazioni quali possono essere i problemi correlati ad un tatuaggio localizzato in questa zona del corpo.

Se decidi di fare un tatuaggio sul petto, tieni presente che l’operazione potrebbe risultare piuttosto impegnativa.

Si tratta di una zona sensibile del corpo, per cui potresti provare anche una sensazione dolorosa.

In ogni caso un altro problema è rappresentato dal fatto che il petto è una parte del corpo molto elastica.

Con il passare degli anni, anche in seguito alla perdita del tono muscolare o all’aumento di peso, il petto potrebbe allargarsi e il tatuaggio che hai realizzato potrebbe rovinarsi o arrivare a deformarsi.

Come rimuovere un tatuaggio

Il disegno del tatuaggio è permanente sulla pelle. Tuttavia i dermatologi possono consigliare alcune tecniche, sperimentate soprattutto negli ultimi anni, che consentono di rimuoverlo.

Ad esempio si può ricorrere al laser.

È una procedura ormai molto utilizzata, anche perché non si è esposti a rischi particolarmente evidenti, si possono minimizzare gli effetti collaterali e la tecnica risulta efficace.

Di solito ci si espone a diverse sedute con l’applicazione del laser, specialmente quando si ha a che fare con tatuaggi molto colorati.

Un’altra tecnica utilizzata è la dermoabrasione. Si utilizzano procedure chirurgiche e farmaci, per assorbire gli inchiostri del tatuaggio, rimuovendone gli strati superficiali.

Soltanto in casi particolari viene consigliata l’escissione chirurgica, che consiste nella rimozione del tatuaggio da parte di un chirurgo attraverso un bisturi. La ferita viene poi richiusa con punti di sutura.

qNon fermarti qui! Visita la nostra pagina completamente dedicata all’UOMO!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here