Macchie bianche sul pene e sul glande

Le macchie bianche sul pene possono rappresentare un problema che deve essere attenzionato bene dal punto di vista medico, specialmente considerando che alla base ci possono essere diversi disturbi o malattie che devono essere oggetto di una particolare diagnosi da parte di un esperto.

A volte si hanno macchie rosse sul glande o macchie sul pene che si manifestano come una macchia rossa sul glande o una macchietta rossa sul glande.

Tuttavia le macchie bianche sul pene possono presentarsi anche sotto forma di chiazze, di papule o di vescicole, che dovrebbero indurti a consultare il medico, anche nel caso in cui non destano particolare preoccupazione.

Molte volte possono essere il risultato di un’irritazione della pelle esposta all’uso di detergenti intimi aggressivi.

Oppure si può trattare della manifestazione di alcune infezioni. Infatti le macchie bianche sul pene possono essere anche connesse a malattie come l’herpes genitale, la sifilide o la scabbia.

Proprio in base alla causa scatenante del problema, si scelgono le cure per le macchie bianche sulla pelle.

Ma andiamo più nello specifico e vediamo dettagliatamente i sintomi delle macchie bianche sul pene, le varie cause che possono determinarle e i rimedi più adatti.

Sintomi delle macchie bianche sul pene

Quali sono le caratteristiche delle macchie bianche sul pene?

Possono essere delle chiazze piane, si possono presentare come delle piccole vescicole ripiene di liquido, che possono anche scoppiare, facendo fuoriuscire ciò che contengono.

Possono essere anche dei noduli o delle chiazze rilevate, che compaiono sotto forma di papule.

A volte si manifestano come delle protuberanze oppure possono essere dei punti bianchi sul pene.

Può accadere anche che compaia una bolla sul pene. Anche in questo caso bisogna farsi visitare da un medico.

A volte le macchie bianche sul pene possono essere accompagnate da altre manifestazioni sintomatologiche.

Per esempio si può trattare di prurito, di una sensazione dolorosa o di pelle secca.

Cause delle macchie bianche

Le macchie bianche sul pene possono essere determinate da diverse cause.

Alcune non sono particolarmente gravi. Non devi allarmarti in caso della presenza di macchie bianche che interessano il glande o il prepuzio.

Molte volte infatti si tratta di problemi che si possono risolvere facilmente, seguendo una terapia appropriata.

A volte il problema tende a risolversi anche spontaneamente.

È il caso per esempio dell’uso eccessivo di detergenti intimi che possono determinare anche la comparsa di puntini bianchi sul glande, se non sono adatti alla pelle delicata di questa zona del corpo.

Anche la scarsa igiene intima può portare alla formazione di macchie di varie dimensioni.

In questo caso basta ristabilire le norme igieniche regolari, per poter liberarsi del problema.

A volte le macchie bianche sul pene possono essere frutto di reazioni allergiche e in queste situazioni il termine più preciso sarebbe quello di dermatite da contatto.

Possono essere il risultato anche di episodi di balanite e di balanopostite. La prima è l’infiammazione del glande del pene. La seconda è l’infiammazione contemporanea di pene e prepuzio.

A volte si può trattare di un segnale che indica delle infezioni batteriche, delle infezioni ad opera di virus o causate da funghi.

Per esempio particolare attenzione si deve prestare a quando si tratta di malattie sessualmente trasmissibili o di herpes genitale.

Fra le infezioni sessualmente trasmissibili possiamo ricordare la sifilide, che è causata dal batterio Treponema pallidum.

Altre infezioni sono la scabbia, che colpisce soprattutto le pieghe della pelle, e il mollusco contagioso, un’infezione contemporanea della cute e delle mucose.

Rimedi per risolvere il problema

Come fare per risolvere il problema delle macchie bianche sul pene?

Innanzitutto devi consultare un medico, in modo che ti possa dare riscontro di una precisa diagnosi.

La terapia più adatta infatti viene decisa proprio in base alla causa scatenante del problema.

Diverso è il trattamento in base anche al tipo di infezione di cui si può trattare, a seconda della sua origine virale o batterica.

I farmaci

Proprio nel caso delle infezioni, il medico può prescrivere dei farmaci.

Questi possono essere degli antivirali, come per esempio quelli utilizzati nel caso dell’herpes genitale.

In questa situazione i farmaci antivirali non possono garantire una guarigione completa, tuttavia possono essere molto importanti per limitare l’insorgenza di complicazioni.

Quando si tratta invece di infezioni causate da batteri, il medico può valutare la necessità di una terapia a base di antibiotici da assumere anche per via orale.

La regolazione dell’igiene intima

Molto importante è riuscire a fare in modo che il soggetto interessato dalle macchie bianche sul pene possa seguire le regole fondamentali dell’igiene intima.

Come prima cosa bisogna limitare l’uso di detergenti intimi particolarmente aggressivi e che non rispettano il PH della pelle.

La zona genitale è una parte del corpo molto delicata, per cui bisogna evitare prodotti non adatti.

Inoltre è fondamentale detergersi con regolarità, eliminando anche gli eventuali accumuli di cellule morte e di impurità che si possono venire a creare nell’area genitale.

I rimedi naturali

Alcuni rimedi naturali possono essere utili per trattare il problema delle macchie bianche e soprattutto per alleviare la sensazione di prurito intimo che può essere connessa.

Per esempio potrebbe essere utile utilizzare l’amido di riso o la farina d’avena.

Questi due ingredienti vanno sciolti nell’acqua, in modo da ricavarne una lozione da applicare sulle parti intime.

Per calmare le irritazioni e le infiammazioni della pelle, puoi fare ricorso ad un impacco di camomilla o di tea tree oil.

Per esempio il tea tree oil, ma anche l’aceto bianco, sono indicati quando si tratta di infezioni fungine.

Sono degli ingredienti molto utili che possono anche essere utilizzati per calmare la sensazione di prurito eccessiva ed evitare un eccessivo sfregamento.

Contro i funghi della pelle si può utilizzare anche l’olio essenziale di origano, che è un prodotto dalle spiccate proprietà antimicotiche.

Metti insieme un cucchiaio di olio di origano e un cucchiaio di olio d’oliva.

Applica il composto ottenuto sulla pelle due volte al giorno, fino a quando non si è risolto il problema delle macchie causate da funghi.

Un altro impacco che puoi utilizzare sempre contro i funghi è quello composto da limone e da bicarbonato di sodio.

Si prepara mescolando il succo di un limone ad un cucchiaio di bicarbonato. Ottieni così un composto da applicare sulla cute.

Approfondimenti utili:

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here